Condividi su:

News

Aggiornamenti, congressi, convegni, dibattiti, sperimentazioni, pubblicazioni, associazionismo, notizie dagli ex-Allievi e dalle Associazioni.

Metodo Papadia

Riprogrammazione bioenergetica

Il "tocco pranico" immette la "pranoterapia"

Corsi

Corsi

Corsi di base e avanzati per una professione in cui l'empatia coinvolge la relazione di campo.

News in primo piano
  • 23 Ago 2016

    Se l'antibiotico lo genera il naso

    Leggi News
  • 23 Ago 2016

    Cervello: mappa aggiornata

    Leggi News
  • 18 Ago 2016

    Il file rouge che unisce il cervello di neonati ed anziani

    Leggi News
  • 18 Ago 2016

    Neuroni e ricordi

    Leggi News
  • 11 Ago 2016

    L'Italia ha il primato della "staffetta cerebrale"

    Leggi News
  • 11 Ago 2016

    Finzione narrativa ed empatia

    Leggi News
Libri
Corsi
Torna alla lista degli Articoli 21 Dic 2015

La dieta vegetariana nemica dell’ambiente?

Secondo uno studio americano, realizzato dai ricercatori della Carnegie Mellon University di Pittsburgh - in Pennsylvania - e pubblicato sulla rivista Environment Systems and Decisions, si dimostra che mangiare lattuga è tre volte più dannoso per l'ambiente che mangiare pancetta. Stesso discorso per melanzane, cetrioli e sedano, meno ecosostenibili della carne di pollo e di maiale. A quanto pare le diete vegetariane e quelle più salutiste (che privilegiano frutta, verdura e pesce) hanno un impatto ambientale più pesante rispetto a quanto ipotizzato finora.

Lo studio naturalmente è destinato a riaccendere le polemiche tra vegetariani e “carnivori”. Perché prendendo in esame le tipiche abitudini a tavola degli americani, i ricercatori hanno provato a calcolare le risorse necessarie per la produzione, il trasporto, la vendita e la conservazione casalinga dei prodotti alimentari. Quindi a rifare i conti, per vedere cosa potrebbe accadere seguendo le raccomandazioni per una dieta più sana elaborate dal Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti (Usda): a parità di calorie si finirebbe con l'aumentare i consumi energetici del 38%, mentre l'acqua utilizzata salirebbe del 10% e le emissioni di gas serra del 6%.

"C'è una complessa relazione tra alimentazione e ambiente'', spiega la ricercatrice Michelle Tom, dottoranda in ingegneria civile e ambientale. ''Ciò che è buono per la nostra salute - aggiunge - non è sempre buono per l'ambiente ed è importante che ne siano consapevoli quei decisori che elaborano le linee guida per l'alimentazione''.

da Ansa, 14 dicembre 2015

Immagini

^ top