Meno religioso quindi più altruista

14 Gen 2019

La ricerca - pubblicata su Current Biology - contraddice la diffusa convinzione che la religiosità sia correlata a una maggiore inclinazione per comportamenti morali e che i bambini con una robusta formazione religiosa siano più sensibili alle difficoltà degli altri, e mettano in atto più spesso comportamenti prosociali evitando quelli antisociali.
La conclusione, destinata a suscitare discussioni, è di un gruppo internazionale di psicologi che ha valutato le inclinazioni prosociali di 1170 bambini tra i 5 e i 12 anni di sei paesi (Canada, Cina, Giordania, Turchia, Stati Uniti e Sud Africa).

La maggior parte dei bambini arruolati nello studio apparteneva a famiglie che si definivano cristiane, musulmane o non religiose, mentre solo una minoranza era di fede ebraica, buddista, indù o agnostica. I bambini e i loro genitori sono stati sottoposti a test nella loro città di residenza da ricercatori di un'università locale.

I piccoli dovevano eseguire dei compiti per valutarne la sensibilità morale e la generosità; in una prova, per esempio, veniva chiesto di decidere quanti adesivi erano disposti a condividere con una persona anonima dalla stessa scuola e di un gruppo etnico simile al loro. Ai genitori sono stati invece sottoposti dei questionari per valutare il loro grado di religiosità e il livello di empatia e di senso della giustizia che attribuivano ai loro figli.
Benché i genitori religiosi fossero molto più propensi degli altri a descrivere i loro figli come empatici e attenti alla giustizia, i risultati dei test sui bambini hanno indicato l'opposto.

Per quanto la generosità di tutti i bambini aumentasse con l'età, come già riscontrato in studi precedenti, l'analisi dei dati ha infatti mostrato che che quanto più loro, e il loro ambiente, erano religiosi, tanto minore era il loro altruismo: i piccoli che si erano dimostrati più generosi provenivano da famiglie atee o sostanzialmente non religiose.
Inoltre, di fronte a un atto che danneggiava qualcun altro (per esempio, una spinta), i bambini di famiglie religiose tendevano a giudicarlo come frutto di cattiveria e meritevole di una punizione severa molto più dei piccoli provenienti da famiglie non religiose.

Questi risultati – scrivono gli autori - sono coerenti con precedenti ricerche sugli adulti che hanno mostrato che la religiosità è direttamente correlata a una maggiore intolleranza e ad atteggiamenti più punitivi nei confronti dei reati interpersonali.
Secondo i ricercatori questi risultati potrebbero essere spiegati, almeno in parte, dalla cosiddetta "licenza morale", il fenomeno per cui se si fa qualcosa di “buono" - in questo caso si pratica una religione – ci si preoccupa poi meno delle conseguenze di un altro comportamento che non è morale.

Contrariamente a quanto spesso si sente dire - concludono i ricercatori, che stanno lavorando a un ampliamento dello studio a bambini di altre 14 nazioni - la secolarizzazione della società e della morale può quindi servire ad aumentare e non a diminuire la bontà umana.

Liberamente tratto da LeScienze.it, del 5 novembre 2015

Immagini

News in primo piano

  • San Valentino
    14 Feb 2019
  • Ispirazione
    06 Feb 2019
  • Una simulazione ci salverà dalla mafia
    04 Feb 2019
  • Riprogrammare i flussi
    20 Gen 2019
  • Steppa
    19 Gen 2019
  • Petizione per dire no alle politiche del CNOP sul counseling
    18 Gen 2019

Libri