Ricordare camminando

19 Giu 2019

Una ricerca dell’Università di Pittsburgh (Usa), che ha registrato per quattro anni le distanze percorse in una settimana da 299 persone non affette da demenza. Nove anni più tardi, gli scienziati hanno raccolto le scansioni del cervello dei partecipanti per misurarne le dimensioni: in coloro che hanno percorso da 6 a 9 chilometri il volume della materia grigia è risultato maggiore rispetto a quello di coloro che hanno camminato di meno.

Insomma, una semplice passeggiata aiuta a fissare i concetti nella mente e quindi potenzia la materia grigia.

Dopo altri 4 anni, però, i partecipanti sono stati sottoposti a test per determinare se avessero sviluppato deterioramento cognitivo o demenza, cosa che era accaduta a 116 partecipanti. E i ricercatori hanno scoperto che in coloro che camminavano di più il rischio di andare incontro a problemi di memoria era dimezzato.

I risultati della ricerca incoraggerebbero quindi a praticare esercizio fisico per prevenire demenza e morbo di Alzheimer, dato che il volume del cervello si riduce con l’età.


Liberamente tratto da Focus.it, del 26 giugno 2015

 

Immagini

News in primo piano

  • Il significato è figlio della biologia
    27 Mag 2020
  • Ciò che abbiamo vissuto e che non vogliamo rivivere
    05 Mag 2020
  • Filosofare con il coronavirus
    20 Apr 2020
  • Qualche riprogrammazione oltre la pandemia
    Free Webinar, 24/04
    15 Apr 2020
  • Immigrati e volontari
    30 Dic 2019
  • Altruismo e status sociale
    29 Dic 2019

Libri