Condividi su:

La Pranoterapia

L'imposizione delle mani è un'arte terapeutica della tradizione popolare le cui radici sono antichissime, sia in Oriente che in Occidente.

Metodo Papadia

Riprogrammazione bioenergetica

Il "tocco pranico" immette la "pranoterapia"

Corsi

Corsi

Corsi di base e avanzati per una professione in cui l'empatia coinvolge la relazione di campo.

News in primo piano
  • 14 Set 2016

    Laboratorio di Cine-Biblio-Counseling: Il Mercante di Venezia

    Leggi News
  • 30 Ago 2016

    La voce della madre

    Leggi News
  • 30 Ago 2016

    La musica può fare

    Leggi News
  • 23 Ago 2016

    Se l'antibiotico lo genera il naso

    Leggi News
  • 23 Ago 2016

    Cervello: mappa aggiornata

    Leggi News
  • 18 Ago 2016

    Il file rouge che unisce il cervello di neonati ed anziani

    Leggi News
Libri
Corsi

Cos'è il tocco pranico - pranoterapia.

L'imposizione delle mani è un "tocco pranico", un'arte del benessere e della relazione attraverso il contatto che risale sia all'alba dell'evoluzione umana, quando Homo Sapiens si è innalzato liberando le sue mani dalla schiavitù del terreno, sia all'alba della vita di ognuno di ognuno di noi quando siamo stati oggetto della manipolazione amorosa della madre e del padre.
Con il tempo e in diverse culture l'imposizione delle mani è andata acquisendo anche il carattere di una pratica dell'aiuto secondo le diverse tradizioni ma tutte con lo scopo di alleviare condizioni di disagio corporeo o psicologico.

In Italia questa pratica si è affermata impropriamente come prano-terapia, ma il "tocco pranico" è molto oltre la terapia. È una dimensione relazione in cui hanno importanza determinante l'empatia e l'altruismo bioenergetici della persona dell'operatore.
Il fenomeno si verifica quando un operatore, stando in questa dimensione,  impone le mani ad un'altra persona afflitta da disagio e ne favorisce la riprogrammazione del benessere. Le mani sfiorano a malapena il corpo o si pongono (sia in movimento che immobili) a variabile distanza da esso oppure sono poste a lieve contatto epidermico.

L'operatore esperimenta una pluralità di sensazioni soggettive quali: alterazione del respiro, percezioni di caldo, freddo, formicolio alle mani, movimenti emotivi come compassione, bisogno di concentrazione, bisogno imperativo di spostare le mani da una zona all'altra del corpo, visualizzazioni di organi, ecc. 
La persona che è destinataria del trattamento a sua volta vive una serie di alterazioni diverse secondo la tipologia personale: brividi, effluvi di calore o di fresco, afflati di angoscia o sensazioni di liberazione o di svuotamento.
Al termine del trattamento operatore e persona hanno infine alcune sensazioni che talvolta sono opposte (l'operatore di essere svuotato di vitalità, il recettore di essere riempito di vitalità), altre volte di similare pienezza e benessere.

RICHIEDI INFORMAZIONI
^ top
Siti del gruppo: Accademia per la riprogrammazione | Counselor | La mensa di Leonardo | Mario Papadia